IL SISTEMA ACCO

Il SISTEMA ACCO è coperto da brevetto sin dal 1978, anno in cui hanno avuto termine le prove a lungo periodo dell'istituto tedesco di prove materiale (B.A.M. di Berlino).

É stato applicato in molti interventi nell'edilizia civile, ma soprattutto nel campo monumentale (es. chiese, logge, musei, etc.) e/o edifici di interesse storico culturale, grazie soprattutto alla possibilità di intervenire su qualsiasi muratura, sia essa con mattoni a vista da conservare tali, o intonacata, o su murature in pietra naturale (es. marmi e/o similari), senza alterazione dell'aspetto estetico originale, salvo la ricostruzione o sostituzione di parti gravemente danneggiate.

 

Sistema acco

APPLICAZIONE DEL SISTEMA ACCO

Nel corso degli ultimi due decenni i danni subiti dai fabbricati hanno registrato un costante incremento. Il bilancio dei danni è inequivocabile: muri impregnati di umidità, distracchi di colore e di intonaco.

Il principale rersponsabile di questi danni è l'acqua che penetra nei muri in vario modo.

In assenza di un'efficace barriera orizzontale, l'umidità sale nel muro per effetto capillare e trasporta con sè i sali che lo rovinano, come i solfati i nitrati e i cloruri. L'acqua evapora quando raggiunge la superficie del muro, ma lo stesso non avviene per i sali che cristallizzano e attraggono altra acqua (effetto igroscopico). Questo alternarsi di assorbimento e cessione di acqua rende incessante la disgregazione della pittura, dell'intonaco e del muro stesso. L'umidità capillare è dovuta in ultima analisi a fenomeni di natura elettrica. Questo fatto è noto da quasi un secolo. Da anni è possibile influenzare e quindi bloccare l'umidità capillare per via elettrica.

Il sistema ACCO si basa su precise formule scientifiche derivate dalle leggi della natura: in tutti questi punti corrisponde pienamente alla CARTA DEL RESTAURO dell'UNESCO. Il sistema ACCO è quello di contrapporre una forza elettro-fisica all'effetto capillare.

Secondo una tecnica collaudata, nel muro impregnato di umidità vengono inseriti degli elettroidi speciali alimentati da una centralina elettronica.

Gli elettrodi creano un campo elettrico che impedisce all'acqua capillare di salire ulteriormente e con un'adeguata progettazione dell'impianto, la respinge addirittura nel suolo.

Il sistema Acco non fa ricorso a prodotti chimici tossici e di avvale di materiali che possono essere impiegati anche nell'industria alimentare, garantendo e promuovendo al contempo l'equilibrio biologico tra uomo, natura ed ambiente.

IL MIGLIORE

L'esperienza maturata in cantiere e le referenze dei lavori eseguiti ci permettono di affermare che il nostro sistema dà una risposta concreta e risolutiva alle patologie delle murature umide, ed è particolarmente indicato nella salvaguardia degli edifici di valenza storica e monumentale.

Molto importante è la possibilità di intervenire anche ove gli altri sistemi già utilizzati non hanno dato esito, senza creare altre demolizioni e successivi rifacimenti, ma solo con un semplice intervento necessario all'individuazione delle zone di posa e sistemazione nelle stesse delle nostre linee di controllo.

Il metodo di deumidificazione delle murature con IL SISTEMA ACCO crea una persistente ed efficace barriera elettro-fisica, ideata per controllare con particolari apparecchiature, e impedire fisicamente all'acqua di salire tramite i capillari.

A differenza di altri sistemi presenti sul mercato, la tecnica del SISTEMA ACCO è l'unica ad avvalersi di una tecnologia di controllo che impedisce la decomposizione dell'acqua e la sua conseguente evaporazione, evitando patologie create dai sali in fase di asciugatura, che comunque continuano a spingere verso la superficie seguendo il flusso di evaporazione dell'acqua.

infiltrazioni, manutenzione terrazzi, elettrosmosi attiva
Share by: